giovedì 15 agosto 2013

Buon Natale!

Sono molte le cose che non capisco e una di queste è il Ferragosto.

"Si festeggia la metà dell'estate!" - ho sentito dire spesso e volentieri. Ma a me ha sempre dato l'impressione di essere la fine dell'estate. Cioè, in realtà io non penso che sia la fine dell'estate, ma il modo in cui viene festeggiato sembra la fine.

"Si festeggia l'Assunzione!" - è sempre stata un'altra risposta. Ma in realtà è solo un caso che le due festività coincidano. Quand'ero al mare, da bambina, c'era una processione di navi che partiva dal porto dove sono stata l'altro giorno e arrivava fin da noi per poi tornare indietro. A prua della prima nave c'era una statua bianca della Madonna e tutti i bagnanti si avvicinavano all'acqua a guardare la processione - dopo essersi fatti i gavettoni per tutto il giorno.
Il fatto è che il Ferragosto non è neanche questo.

"Si fanno i gavettoni!" - eh sì, da ragazzina, in spiaggia, si facevano i gavettoni. Sarà per questo trauma che negli ultimi anni, quando mi trovavo al mare, se non pioveva, evitavo come la peste di andare in spiaggia. Troppa gente. Troppi scherzi.

"Si fa il falò!" - mi pare di averlo fatto una volta sola (o al massimo due). Pensavo si facesse chissà che, invece alla fine ero stata semplicemente in giro di notte, tra lungomare e spiaggia, con un po' di gente finto-fricchettona che ci teneva un sacco alla fricchettonaggine, alle birre, al fumo, al relax. La parte più bella per me fu l'alba: veder sorgere il sole dall'acqua è uno spettacolo bellissimo. Seguìto poi dai cornetti caldi a colazione.

Poi, per un bel po' di anni, ho passato il Ferragosto in vacanza all'estero con gli amici e allora quel giorno in sé era un giorno come gli altri, ma allo stesso tempo era molto più figo e speciale, e soprattutto era vissuto intensamente. Il primo lo passai a Edimburgo e quella notte restammo senza ostello perché era tutto pieno. Durante il giorno, invece, ci fecero due multe perché avevamo parcheggiato prima sulle strisce bianche, che lì erano a pagamento, e poi al di fuori delle strisce, in una vietta piena di parcheggi. Avevamo passato la giornata al Fringe Festival, uno spettacolo per le vie della città, ne conservo ancora un ricordo bellissimo. Al Fringe, in mezzo alla strada, del tutto casualmente, ci siamo imbattuti in Ro., una ragazza spagnola che per un periodo aveva vissuto a Roma ed era amica di un'amica di un mio amico. Il mio amico l'aveva riconosciuta e abbiamo passato qualche ora insieme: lei ora viveva a Edimburgo. Quella sera, non trovando posti liberi negli ostelli, il mio amico chiamò Ro. e lei ci ospitò. All'arrivo, in cucina c'era I., una ragazza spagnola che voleva assolutamente farci assaggiare una cosa deliciousss che stava slinguazzando dal coltello, perché era talmente buona da non arrivare fino al pane: era paté di fegato di porco. Bleah! Quella casa era il rifugio dei diseredati. Non ho idea di quanta gente ci fosse là dentro. Noi dormimmo in 5 in una stanzetta 2x3 che apparteneva a qualcuno che non era in casa, e ci sistemammo con due materassi a terra e uno su un letto. Io condividevo il materasso a terra con V., ci faceva talmente schifo stare su quel coso lercio che a un certo punto allungammo contemporaneamente un braccio per afferrare qualcosa da mettere sotto la testa. Ci guardammo furtive e complici: "se non ci becchiamo qualche virus stasera, non ce lo becchiamo più!" Nei giorni successivi Ro. e la sua amica I. furono le nostre guide e con loro arrivammo qui,

Calton Hill - Google Images

prima di rimetterci in macchina e visitare il resto della Scozia. La cosa curiosa fu che quel contatto con Ro. ci fu utile quando, qualche anno dopo, andammo a Barcellona - ma non era Ferragosto, e Barcellona è un'altra storia.

Sembra che tutti in questo giorno di un'imprecisata festa debbano assolutamente fare qualcosa. C'è una smania da Ferragosto che mi stressa al solo pensiero. Camomillatevi!

Ferragosto deriva da feriae Augusti, il riposo di Augusto. L'antico Ferragosto, infatti, fungeva da ponte tra le fatiche lavorative delle settimane precedenti e le festività del mese di agosto - Vinalia rustica e Consualia.
Quindi io ne approfitto e oggi mi riposo!
E voi?

Buon Natale a tutti!

8 commenti:

  1. È una festività di origine contadina, ha a che fare con la fine dei raccolti o qualcosa di simile. Poi è stata inglobata dal cristianesimo come anche Natale.
    Nel 2013 è un modo di spezzare l'estate lavorativa. Le città sono vuote e a me piace così.
    Non mi serve altro per apprezzare Ferragosto!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E bravo Salomon! ;)
      Se solo facesse un po' meno caldo in queste città... ^_^

      Elimina
  2. A Ferragosto io ero a Lubecca a vedere Angela Merkel che ovviamente il Ferragosto non lo festeggiava! Ohhh, la Scozia ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, la Scozia!! <3 *_*

      Però, dai, passare il Ferragosto all'estero, dove non si festeggia, è un bel modo di passare il Ferragosto. No?? ;)

      Elimina
  3. Io sono stata in montagna a mangiare fino a svenire!

    RispondiElimina
  4. ciao :) carinissimo il tuo blog ,ti ho trovata grazie all'iniziativa Link Party ,se ti va ti unisci a tua volta al mio bloghettino ? :) http://taniabarbarasoni.blogspot.it/ (✿◠‿◠)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tania, benvenuta!

      Ho fatto un salto da te, appena ho un po' di tempo ritorno con più calma.

      Ciao ciao!

      Elimina

Ti potrebbero anche interessare:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...